News | Il Lombardia ottobre 9, 2021

Anche Il Lombardia nel regno di Pogačar

Lo sloveno aggiunge la Classica delle Foglie Morte ai successi di un 2021 fantastico

Esordio al Lombardia, attacco in salita ai -36,km e successo in una volata a due: è Tadej Pogačar il protagonista di questa trama che ha portato nel ricco palmares del ventitreenne sloveno anche la Classica delle Foglie Morte (partenza da Como e arrivo a Bergamo, 239 km).

 
Il talento dell’UAE Team Emirates ha dominato ancora una Classica Monumento, chiudendo così un 2021 di livello assoluto e vissuto in prima linea dall’inizio alla fine, un’annata nella quale spicca il successo alla Liegi-Bastogne-Liegi in primavera, il bis al Tour de France in estate e l’affermazione a Il Lombardia in autunno.

 

Come di consueto, Pogaçar ha firmato in maniera non banale l’ennesimo successo, attaccando a 36,6 km dal traguardo mentre il selezionato gruppo dei big stava affrontando il Passo di Gandia. Nessun avversario è riuscito a tenere le ruote delle sloveno, raggiunto poi in discesa da Fausto Masnada (Deceuninck-Quickstep).

 
Il duo, trascinato da Pogačar e complice anche il poco accordo tra gli inseguitori, ha toccato un vantaggio superiore a 1’ al momento di affrontare l’ultima asperità di giornata, la breve ma aspra ascesa di Colle Aperto. Un paio di rasoiate da parte del corridore dell’UAE Team Emirates hanno trovato la risposta da parte di Masnada, il quale però nulla ha potuto nella volata a due contro la maggiore freschezza, la superiore velocità e la potenza di Pogačar.

 

Quello odierno è il 13° successo stagionale per lo sloveno, 32 le affermazioni della formazione emiratina nel 2021.

 

Pogačar: “Sono senza parole, è una cosa pazza essere qui a festeggiare questo successo al termine di una stagione come questa.
La corsa è stata molto dura, anche prima del mio allungo. Quando ho attaccato, pensavo che qualcuno venisse con me. In discesa mi ha raggiunto Masnada, sapevo che avrebbe guadagnato su di me nella parte tecnica della discesa dal Passo Ganda, dato che conosce benissimo queste strade, e sapevo che non avrebbe collaborato con me quando mi avrebbe raggiunto, ma ho avuto ancora forze e brillantezza per batterlo in volata.

 
In questa seconda parte di stagione, la mia forma è stata altalenante, con alcune giornate molto buone e altre meno brillanti: per fortuna oggi è la mia condizione era molto buona.
Ogni vittoria per me è importante, quella di oggi mi piace particolarmente perché essere alla partenza del Lombardia al fianco dei migliori ciclisti del mondo era un sogno, vincere al debutto è stato incredibile”.

 

Ordine d’arrivo
1. Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) 6h01’39”

2. Fausto Masnada (Deceuninck-Quickstep) s.t.

3. Adam Yates (Ineos-Grenadiers) +51”